Bandi comunitari

I fondi europei si dividono in:

  • Fondi diretti erogati e gestiti direttamente dalla Commissione Europea
  • Fondi indiretti erogati dalla Commissione, attraverso i PON (Programmi Operativi Nazionali) e i POR (Piani Operativi Regionali)

Fondi diretti

Sono erogati e gestiti direttamente dalla Commissione Europea. Questa tipologia di fondi finanzia progetti che nascono da un’idea innovativa e meritevole di applicazione industriale. L’innovazione deve avere valenza Europea e di norma devono essere coinvolti almeno tre partner di 3 Paesi differenti, tranne che per i bandi a valere sullo SME INSTRUMENTS; in tal caso la domanda può essere presentata anche da una sola impresa.

Le domande sono complesse e debbono descrivere puntualmente e sinteticamente il progetto in tutte le sue parti, comprese le previsioni di spesa. Normalmente la Commissione non finanzia la totalità del progetto, ma solo una sua quota parte. (Esempio nei bandi riferiti allo SME Instruments la percentuale di contributo a fondo perduto è pari al 70%.

Fondi indiretti

Sono erogati dalla Commissione, attraverso i PON (Programmi Operativi Nazionali) e i POR (Piani Operativi Regionali). Utilizzano le risorse finanziarie del bilancio UE trasferite agli Stati membri e gestiti dalle Amministrazioni centrali e periferiche che, attraverso la pubblicazione dei bandi di accesso ai contributi pubblicati periodicamente, permettono alle aziende di poter usufruire di contributi a fondo perduto e/o in c/interessi. Le domande presentate dall’azienda, previo controllo dell’Ente preposto, entrano a far parte di una graduatoria. Le aziende ammesse sono finanziate fino ad esaurimento delle risorse finanziarie, messe a disposizione per quel specifico bando.

La partecipazione, può avvenire sia in forma singola che in forma di partenariato, di norma con un minimo di 3 imprese. I bandi relativi ai Fondi Strutturali (indiretti) sono normalmente reperibili sui siti delle singole Regioni.